Un 2015 ricco di nuove scoperte animali e vegetali

L’International Institute for Species Exploration dell’Environmental Science and Forest ha pubblicato negli ultimi giorni il suo consueto studio annuale sulle nuove specie più bizzarre scovate nel mondo dagli scienziati.
La lista è il frutto di un’attenta selezione di una giuria internazionale, le scoperte sono molteplici e singolari: un ragno fa capriole nel deserto, un pesce disegna nidi circolari sui fondali marini, un tubero nelle Filippine che assomiglia ad un corallo e che già è considerato in via di estinzione.
Di particolare bellezza è il Cebrennus Rechenbergi, un ragno che vive in Marocco e che quando si sente minacciato o in pericolo scappa rotolandosi per terra arrivando a compiere a volte anche salti mortali e capriole; il suo comportamento motorio è frutto oggi di numerose ricerche nonché fonte di ispirazione per la creazione di un nuovo tipo di robot.
Chi pensa che conosciamo ormai in maniera definitiva il nostro pianeta potrebbe sbagliarsi di grosso.

di Valerio Bocci

Leave a Reply