Home

.

Tu sei in: Home Materiale Informativo Disciplina Normativa
Disciplina Normativa

LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 24-12-2008 REGIONE LAZIO
Norme sulle organizzazioni di produttori agricoli, sugli accordi regionali per l’integrazione delle filiere e sulle filiere corte

 

ARTICOLO 1
(finalità)


1. La regione promuove la costituzione di organizzazioni di produttori
agricoli, singoli o associati, di seguito denominate organizzazioni di
produttori, per la commercializzazione dei prodotti dei propri associati
attraverso la concentrazione dell’offerta e l’adeguamento della produzione
alle esigenze del mercato. A tal fine, in armonia con gli orientamenti
comunitari in materia di aiuti di stato nel settore agricolo, concede
contributi per l’avviamento di nuove organizzazioni di produttori, che ne
incentivino la costituzione, ovvero per la trasformazione delle associazioni
già riconosciute ai sensi della legge regionale 17 settembre 1984, n. 60
(norme sull’associazionismo dei produttori agricoli e delle relative unioni.
Applicazione della legge 20 ottobre 1978, n. 674), nonché per l’ampliamento
delle loro attività.

2. La regione favorisce l’integrazione tra i soggetti economici coinvolti nel
governo dei processi di filiera attraverso la promozione di accordi regionali
di filiera finalizzati alla valorizzazione dei prodotti agricoli ed
agroalimentari, nel rispetto degli interessi di tutti i soggetti coinvolti nei
processi di produzione, trasformazione, commercializzazione e distribuzione,
dei lavoratori partecipi dei processi stessi nonché dei consumatori.

3. La regione, per valorizzare la produzione agricola regionale e promuovere,
anche attraverso la diffusione di modelli di agricoltura e consumi
ecosostenibili, un’efficace azione di marketing e comunicazione verso i
consumatori, favorisce la formazione di filiere corte. A tal fine incentiva,
mediante apposite attività promozionali, la costituzione di gruppi d’offerta
tra filiere organizzate nonché la commercializzazione diretta dei prodotti
agricoli ed agroalimentari da parte delle imprese agricole, in particolare di
quelle che seguono disciplinari di produzione specifici di qualità, biologici
e biodinamici.

 


ARTICOLO 2
(Oggetto)

 1. Con la presente legge la regione disciplina, in coerenza con quanto
previsto dal decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 102 (regolazioni dei
mercati agroalimentari, ai sensi dell’articolo 1, comma 2, lettera e) della
legge 7 marzo 2003, n. 38):
a) Il riconoscimento delle organizzazioni di produttori;
b) l’istituzione dell’elenco regionale delle organizzazioni di produttori
riconosciute;
c) la concessione di contributi per l’avviamento e l’ampliamento delle
organizzazioni di produttori e per il consolidamento, anche attraverso
processi di innovazione, della loro presenza sui mercati;
d) la concessione di finanziamenti per programmi di attività presentati
dalle organizzazioni di produttori;
e) l’attività di vigilanza e controllo sulle organizzazioni di
produttori, compreso il potere di revoca del riconoscimento;
f) I requisiti e le modalità per la sottoscrizione di accordi per
l’integrazione delle filiere;
g) l’istituzione dell’elenco regionale  degli accordi per le filiere di
produzione;
h) il sistema di  incentivi a sostegno degli accordi per l’integrazione
delle filiere;
i) il controllo sul funzionamento degli accordi di filiera, ivi compresa
la cancellazione dall’elenco di cui alla lettera g).

2. La presente legge promuove, altresì, le filiere corte, ed, in particolare:
a) le forme di aggregazione dei gruppi di offerta, anche multiprodotto,
tra aziende agricole e filiere di produzione;
b) l’istituzione dell’elenco regionale dei gruppi di offerta;
c) le iniziative per la promozione e lo sviluppo delle filiere corte;
d) il sistema di incentivi a sostegno delle filiere corte.

 

 

ARTICOLO 3
(Definizioni)

1. Ai fini della presente legge si intende per:
a) “organismi di rappresentanza” le organizzazioni professionali, di
categoria o sindacali maggiormente rappresentative, cui sono iscritti gli
imprenditori agricoli, le imprese di trasformazione e di commercializzazione,
i lavoratori agricoli e delle industrie agroalimentari, ogni altro soggetto
che partecipa al processo produttivo della filiera;
b) “organizzazioni dei produttori agricoli” i soggetti di cui
all’articolo 5, composte prevalentemente da produttori come definiti alla
lettera c);
c) “produttori” gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del
codice civile, nonché le società di persone, cooperative o di capitali, a
condizione che le loro aziende siano situate nel territorio della regione
Lazio ed il loro statuto preveda l’esercizio esclusivo delle attività agricole
di cui al citato articolo del codice civile;
d) “imprese di trasformazione, distribuzione e commercializzazione” le
imprese che, sotto qualsiasi forma giuridica, operano la lavorazione,
trasformazione, distribuzione e commercializzazione di prodotti agricoli ed
agroalimentari del Lazio;
e) “filiera di produzione” o “filiera” l’insieme di soggetti che operano
nelle fasi di produzione, lavorazione, trasformazione, commercializzazione e
distribuzione di un determinato prodotto agricolo o agroalimentare secondo
disposizioni tra loro stabilite in specifici accordi;
f) “accordo regionale di filiera” l’accordo sottoscritto dagli organismi
di rappresentanza di tutti i soggetti che intervengono nei processi di
produzione, lavorazione, trasformazione, commercializzazione, distribuzione e
in quelli dei servizi ad essi collegati, per il miglioramento della qualità e
della sicurezza alimentare dei prodotti e dell’efficienza dei sistemi di
produzione, per l’armonizzazione e l’integrazione dei processi di filiera, al
fine di favorire la diffusione e valorizzazione dei prodotti agricoli ed
agroalimentari del Lazio, garantendo i migliori livelli di redditività per gli
operatori della filiera e di economicità per i consumatori;
g) “contratto in filiera” il contratto concluso, nell’ambito dell’accordo
regionale di filiera, tra i soggetti di cui alle lettere b) e d), contenente
criteri, condizioni, vincoli e procedure che gli stessi si obbligano a
rispettare, ivi compreso il rispetto del CCNL e degli accordi provinciali di
riferimento, nella produzione, lavorazione, trasformazione,
commercializzazione e distribuzione di uno o più prodotti agricoli ed
agroalimentari;
h) “organismo gestore della filiera” il soggetto incaricato di promuovere
e coordinare l’attuazione dell’accordo regionale di una specifica filiera;
i) “contratto tipo” il modello contrattuale adottato, in adempimento dei
contratti in filiera, tra produttori, trasformatori, commercianti e
distributori dei prodotti agricoli ed agroalimentari regolati dall’accordo di
filiera, aventi per oggetto la disciplina dei rapporti che vincolano tra loro
due o più soggetti economici della filiera;
l) “filiera corta” soggetti e organizzazioni che, singolarmente o di
concerto fra loro, consentono la gestione delle forniture dei prodotti
agricoli ed agroalimentari al consumatore finale, anche attraverso la
razionalizzazione del sistema delle intermediazioni commerciali;
m) “gruppo di offerta” l’insieme di filiere di produzione che si
associano per offrire la possibilità di acquistare direttamente prodotti
agricoli ed agroalimentari nell’ambito del paniere che caratterizza il gruppo
di offerta;
n)  “tavolo regionale delle filiere” l’organismo composto da
rappresentanti degli accordi di filiere e da rappresentanti della regione, con
compiti di supporto all’amministrazione regionale nella formulazione di
programmi ed interventi.

 

 

ARTICOLO 4
(Regolamenti)

1. La giunta regionale, ai sensi dell’articolo 47, comma 2, lettera b) dello
statuto, adotta, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della
presente legge, uno o più regolamenti regionali di attuazione ed integrazione.

2. I regolamenti di cui al comma 1, in particolare, disciplinano:
a) le modalità per la presentazione delle istanze di riconoscimento da
parte delle organizzazioni di produttori nonché per la verifica dei requisiti
per il riconoscimento;
b) le procedure per l’iscrizione all’elenco regionale di cui all’articolo
8, nonché la disciplina per la sua tenuta;
c) i criteri e le modalità per l’eventuale revoca del riconoscimento e la
conseguente cancellazione dall’elenco regionale, nonché l’applicazione delle
penalità di cui all’articolo 13, comma 3;
d) i contenuti e le modalità di presentazione delle richieste di
ammissione agli aiuti di cui all’articolo 11, nonché delle domande per il
finanziamento dei programmi di attività di cui all’articolo 12;
e) le spese ammissibili, i criteri e le modalità di concessione degli
aiuti alle organizzazioni di produttori;
f) le modalità per i controlli e per la vigilanza sulle organizzazioni di
produttori, anche ai sensi della normativa statale vigente;
g) le procedure per l’iscrizione all’elenco regionale delle filiere di
produzione;
h) le modalità per la sottoscrizione degli accordi di filiera;
i) la costituzione ed il funzionamento degli organismi di gestione degli
accordi regionali di filiera;
l) i criteri di preferenza a favore dei firmatari dei contratti in
filiera  e degli operatori delle filiere corte per l’accesso ai contributi
regionali;
m) la costituzione e le modalità operative dei gruppi di offerta;
n) la disciplina per la tenuta dell’elenco regionale dei gruppi di
offerta nonché i criteri e le modalità per l’iscrizione nello stesso;
o) Il sistema di incentivi a sostegno delle attività dei gruppi di
offerta;
p) l’accesso e il funzionamento del portale web e il funzionamento dello
sportello regionale delle filiere corte.

 


Capo II
Organizzazioni di produttori agricoli
   

                         
ARTICOLO 5
(Organizzazioni di produttori)

1. Le organizzazioni di produttori perseguono gli scopi indicati dall’articolo
2, comma 1, del d.lgs. 102/2005 e sono costituite in una delle forme
giuridiche societarie di cui all’articolo 3, comma 1, del medesimo decreto.

2. Ciascuna organizzazione di produttori è costituita ed opera in riferimento
ad un settore produttivo o ad un singolo prodotto agricolo o agroalimentare
come individuati nell’allegato a.

 

 

ARTICOLO 6
(Condizioni per il riconoscimento)

1. La regione riconosce le organizzazioni di produttori che:
a) siano costituite da produttori agricoli, singoli o associati;
b) abbiano sede legale nel territorio regionale ed almeno il 60 per cento
del valore della produzione commercializzata proveniente da aziende agricole
del Lazio;
c) siano in possesso dei requisiti di cui all’articolo 3 del d.lgs.
102/2005 e ne facciano richiesta.

2. Ai fini della determinazione dei volumi minimi di produzione effettivamente
commercializzata, di cui all’allegato a, ai quali deve corrispondere
un’organizzazione di produttori, il valore della produzione regionale per
settore produttivo o per singolo prodotto viene aggiornato, ogni tre anni, con
determinazione del direttore regionale competente in materia di agricoltura,
in base ai dati dell’istituto nazionale di statistica (istat) o, in assenza di
questi, sulla base di altre fonti statistiche disponibili, elaborati come
media della produzione lorda vendibile (plv) del triennio e rapportato al 3
per cento di tale media.

3. Per le organizzazioni di produttori del settore dell’agricoltura biologica,
che operano contemporaneamente in differenti settori produttivi agricoli, il
requisito minimo di produzione effettivamente commercializzata, di cui
all’allegato a, è calcolato con esclusivo riferimento alla produzione da
agricoltura biologica certificata, ottenuta nel territorio regionale.

4. Ai fini del riconoscimento, il volume di produzione effettivamente
commercializzata può essere determinato calcolando anche il valore dei
prodotti effettivamente commercializzati direttamente dai produttori agricoli
aderenti, singoli od associati, nel triennio precedente la richiesta di
riconoscimento. In tale caso, l’organizzazione dei produttori si impegna, pena
la revoca del riconoscimento e la ripetizione degli aiuti eventualmente
percepiti, a vendere direttamente, in maniera progressiva entro i primi tre
anni successivi al riconoscimento stesso, con le modalità indicate nel
regolamento di cui all’articolo 4, almeno il 75 per cento della produzione
annuale dei propri aderenti.

5. Il requisito minimo per la concessione del riconoscimento, con riguardo al
volume di produzione commercializzata come definito nell’allegato a, è ridotto
del 50 per cento nei seguenti casi:
a) qualora l’organizzazione di produttori richiedente il riconoscimento
abbia almeno il 50 per cento dei soci ubicati in zone svantaggiate ai sensi
della normativa comunitaria;
b) qualora una quota superiore al 50 per cento della produzione
commercializzata da una organizzazione di produttori che opera in un singolo
settore o per un prodotto, con esclusione di quelle che richiedono il
riconoscimento specifico operando contemporaneamente in più settori, sia
certificata biologica ai sensi della vigente normativa.

6. Per i vini di qualità prodotti in regioni determinate (vqprd) si considera
quale soglia minima per il riconoscimento un volume pari almeno al 20 per
cento del totale del volume di produzione regionale dei vini stessi.

7. Il riconoscimento può essere richiesto per un intero settore produttivo o
per singolo prodotto; qualora un’organizzazione di produttori chieda il
riconoscimento per operare in un intero settore produttivo, la stessa deve
possedere il più alto dei requisiti indicati nell’allegato a con riferimento
allo specifico settore, raggiungibile anche attraverso la somma dei valori dei
singoli prodotti commercializzati ricompresi in quel settore e provvede alla
commercializzazione diretta di tutti i prodotti del settore produttivo
realizzati dagli associati, i quali rimangono vincolati dal rapporto
associativo anche per detti prodotti.

 

 

ARTICOLO 7
(Riconoscimento)

1. Le organizzazioni di produttori che, ai fini della presente legge,
intendono richiedere il riconoscimento presentano alla direzione regionale
competente in materia di agricoltura apposita istanza, sottoscritta dal legale
rappresentante, previa deliberazione dell’assemblea dei soci adottata con le
maggioranze previste nello statuto.

2. Il riconoscimento è conferito previa verifica della sussistenza delle
condizioni previste dall’articolo 6.

3. Al diniego del riconoscimento si provvede con le medesime modalità di cui
al comma 2.

4. La regione comunica, ai sensi dell’articolo 4, comma 2, del d.lgs.
102/2005, il riconoscimento all’albo nazionale delle organizzazioni di
produttori, istituito presso il ministero delle politiche agricole, alimentari
e forestali.

 

 

ARTICOLO 8
(Elenco regionale delle organizzazioni di produttori)

1. E’ istituito, presso la direzione regionale competente in materia di
agricoltura, l’elenco regionale delle organizzazioni di produttori, cui sono
iscritte di diritto le organizzazioni di produttori riconosciute ai fini della
presente legge.

2. Con il regolamento di cui all’articolo 4 sono stabilite le procedure per
l’iscrizione all’elenco di cui al comma 1 nonché la disciplina per la sua
tenuta.

 


ARTICOLO 9
(Revoca del riconoscimento)

1. Il riconoscimento di cui all’articolo 7, previa diffida all’organizzazione
di produttori interessata, è revocato nei seguenti casi:
a) sopravvenuta perdita di uno o più dei requisiti richiesti per il
riconoscimento;
b) irregolarità nella gestione, tali da impedire il conseguimento degli
scopi perseguiti dall’organizzazione di produttori;
c) gravi violazioni della normativa vigente e degli statuti.

2. La revoca del riconoscimento comporta la cancellazione dall’elenco
regionale di cui all’articolo 8.

 

 

ARTICOLO 10
(Crisi di mercato)

1. Le organizzazioni di produttori, sulla base della verifica delle riduzioni
di reddito annuale delle imprese agricole rispetto al triennio precedente
nonché dell’analisi comparata tra previsioni produttive e sbocchi di mercato,
possono proporre alla regione di intervenire presso il ministro delle
politiche agricole, alimentari e forestali affinché dichiari, ai sensi
dell’articolo 1 bis del decreto legge 28 febbraio 2005, n. 22 (interventi
urgenti nel settore agroalimentare) convertito, con modificazioni, dalla legge
29 aprile 2005, n. 71, lo stato di crisi di mercato per determinate produzioni
agricole, anche ai fini della gestione delle crisi di mercato prevista
dall’articolo 8 del d.lgs.102/2005.

 

 

Capo III
Aiuti alle organizzazioni di produttori.
Vigilanza e controllo.

                        
           
ARTICOLO 11
(Aiuti per le spese di avviamento e di ampliamento)

1. La regione, in conformità agli orientamenti comunitari in materia di aiuti
di stato nel settore agricolo, concede alle organizzazioni di produttori
riconosciute aiuti temporanei e decrescenti a copertura dei costi
amministrativi sostenuti per l’avviamento ovvero per la costituzione ed il
funzionamento amministrativo nei primi cinque anni successivi al
riconoscimento.

2. Le domande di concessione degli aiuti sono presentate, a pena di decadenza,
entro e non oltre trenta giorni dall’approvazione, da parte dei competenti
organi societari, del bilancio consuntivo dell’esercizio cui la richiesta di
contributo si riferisce.

3. Gli aiuti sono concessi per l’attività svolta dalla organizzazione di
produttori senza interruzioni nell’arco di cinque anni, nel periodo compreso
tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre di ciascun anno. Non sono concessi aiuti
in relazione a spese sostenute dopo il quinto anno. L’erogazione del complesso
dei contributi spettanti avviene entro il settimo anno dal riconoscimento
dell’organizzazione di produttori.

4. L’importo dell’aiuto è determinato per ogni organizzazione di produttori in
base al valore della produzione annua direttamente commercializzata (vpc),
come indicato nell’allegato b. In ogni caso, il contributo non può superare
nel primo anno il 100 per cento dei costi sostenuti e tale percentuale è
ridotta del 20 per cento per ciascuno dei successivi anni di esercizio, in
modo che al quinto anno sia limitata al 20 per cento dei costi effettivi di
tale annualità.

5. La regione concede, altresì, aiuti per l’ampliamento significativo delle
attività delle organizzazioni di produttori, ivi compresa l’estensione di
dette attività a nuovi prodotti.

6. L’adesione di nuovi membri è considerata un ampliamento significativo delle
attività della organizzazione di produttori solo se dà luogo ad un’espansione
quantitativa del vpc pari almeno al 30 per cento. In questi casi, sono
ammissibili unicamente le spese derivanti dai compiti aggiuntivi svolti
dall’organizzazione di produttori.

7. Le organizzazioni di produttori che ottengono per la prima volta il
riconoscimento ai sensi della presente legge, ma che già esercitano attività
produttive e commerciali in una delle forme giuridiche societarie di cui
all’articolo 3, comma 1, del d.lgs.102/2005, possono chiedere soltanto aiuti
per l’ampliamento significativo delle attività, di cui ai commi 5 e 6. In tal
caso, per valutare la significatività dell’ampliamento, si tiene conto di un
incremento pari o superiore al 30 per cento della media del fatturato relativa
ai tre esercizi precedenti a quello in cui è chiesto il riconoscimento.

 

 


ARTICOLO 12
(Finanziamenti per la realizzazione di programmi di attività)

1. La regione, in armonia con gli orientamenti comunitari in materia di aiuti
di stato nel settore agricolo, concede, ai sensi dell’articolo 7, comma 1, del
d.lgs 102/2005, finanziamenti alle organizzazioni di produttori riconosciute
ai sensi dell’articolo 7 per la realizzazione di programmi di attività che, in
particolare, prevedano:
a) Il miglioramento qualitativo e la valorizzazione commerciale dei
prodotti, anche attraverso la stipula di contratti in filiera di cui al capo
IV, nonché azioni per la promozione degli stessi presso i consumatori;
b) la promozione e la diffusione di sistemi di certificazione della
qualità dei singoli prodotti, di tracciabilità dei prodotti e dei processi,
nonché di rintracciabilità dei prodotti ai fini di una maggiore sicurezza
alimentare;
c) l’innovazione tecnologica dei sistemi di produzione ai fini di una
maggiore capacità di controllo dei cicli di produzione con automazione di
processo, informatizzazione, nuove macchine.

2. I programmi di cui al comma 1 sono ammissibili a finanziamento fino ad un
importo complessivo non superiore al 20 per cento del valore della produzione
commercializzata dall’organizzazione di produttori richiedente nell’anno
precedente a quello della richiesta.

3. Il finanziamento concesso non può superare il 50 per cento delle spese
ritenute ammissibili per la realizzazione dei programmi; per la restante somma
l’organizzazione richiedente provvede, per almeno il 30 per cento, mediante il
fondo di esercizio di cui all’articolo 2, comma 2 del d.lgs. 102/2005; per
l’eventuale somma residua l’organizzazione può far ricorso ad altre forme di
finanziamento, ivi compreso il ricorso al credito.

 

 


ARTICOLO 13
(Vigilanza e controllo)

1. La regione, ai sensi della normativa statale vigente, effettua, con le
modalità stabilite nel regolamento di cui all’articolo 4, il controllo e la
vigilanza sulle organizzazioni di produttori riconosciute per accertare il
permanere dei requisiti previsti per il riconoscimento, anche al fine di
un’eventuale revoca dello stesso.

2. La direzione regionale competente in materia di agricoltura, in particolare:
a) verifica la sussistenza dei requisiti per il riconoscimento delle
organizzazioni di produttori, nonché la loro permanenza;
b) effettua controlli sul conseguimento degli scopi perseguiti dalle
organizzazioni nonché sul loro funzionamento.

3. Nel caso in cui, anche nel corso dei controlli di cui al comma 2, siano
riscontrate inadempienze od omissioni tali da non comportare la revoca del
riconoscimento, i contributi concedibili per l’annualità cui le inadempienze
od omissioni si riferiscono possono essere ridotti fino al 10 per cento dei
contributi previsti, secondo quanto stabilito con il regolamento di cui
all’articolo 4.

 

 

Capo IV
Accordi per l’integrazione delle filiere
      
     
           
ARTICOLO 14
(Accordi regionali di filiera)

1. La regione promuove la sottoscrizione di accordi regionali di filiera, di
seguito denominati accordi, per valorizzare i prodotti agricoli ed
agroalimentari del Lazio, nella salvaguardia della sicurezza e della qualità
alimentare, nonché delle redditività dei singoli soggetti che operano nella
filiera e degli interessi dei consumatori.

2. Gli accordi, in particolare, prevedono:
a) azioni per migliorare la qualità dei prodotti agricoli ed
agroalimentari, per realizzare sistemi di tracciabilità di filiera nonché per
la certificazione della sicurezza alimentare;
b) interventi per valorizzare la provenienza laziale dei prodotti, anche
attraverso l’utilizzazione dello strumento della rintracciabilità nonché le
denominazioni di origine, le indicazioni geografiche e marchi di qualità;
c) azioni per ottimizzare i processi di immissione dei prodotti agricoli
ed agroalimentari sul mercato, attraverso interventi di coordinamento delle
fasi di produzione, trasformazione, commercializzazione e distribuzione degli
stessi, anche in accordo con le associazioni dei consumatori;
d) meccanismi per la formazione dei prezzi all’interno della filiera e
per la determinazione del prezzo finale al consumo.

3. Gli accordi stabiliscono altresì:
a) i modelli dei contratti in filiera che definiscono struttura, forme
organizzative e regole di funzionamento delle filiere di produzione;
b) i modelli dei contratti tipo che regolano i rapporti diretti tra
singole componenti nella gestione dei processi di filiera;
c) l’organismo gestore della filiera;
d) l’adozione, nei singoli contratti in filiera, dei disciplinari di
produzione e del manuale delle procedure.

 

 


ARTICOLO 15
(Sottoscrizione accordi)

1. Gli accordi possono essere sottoscritti dai soggetti di cui all’articolo 3,
lettere a) e b) o, in mancanza di questi, da soggetti economicamente
rappresentativi del proprio segmento di filiera, e dalla regione. Dopo la
sottoscrizione, la direzione regionale competente in materia di agricoltura
provvede alla loro iscrizione nell’elenco di cui all’articolo 16.

2. Gli accordi non possono comportare restrizioni della concorrenza, fatto
salvo il contenimento delle produzioni reso necessario da analisi degli
sbocchi di mercato o da programmi di miglioramento della qualità cui consegua
una riduzione dei volumi dell’offerta.

3. I soggetti che sottoscrivono gli accordi in rappresentanza delle strutture
di trasformazione o commercializzazione dei prodotti laziali si impegnano a
garantire la possibilità di avvalersi dei contratti in filiera negli stessi
previsti anche ad aziende agricole che non aderiscano a nessuna organizzazione
di rappresentanza o che aderiscano ad un’organizzazione di rappresentanza che
non ha sottoscritto gli accordi stessi.

4. Gli imprenditori agricoli, le cui organizzazioni di rappresentanza non
hanno sottoscritto gli accordi, qualora concludano contratti di coltivazione,
allevamento o fornitura con soggetti firmatari di detti accordi che operano la
trasformazione o commercializzazione dei prodotti laziali possono chiedere che
ai suddetti contratti si applichi la disciplina prevista nei contratti in
filiera.

 

 

ARTICOLO 16
(Elenco degli accordi regionali di filiera)

1. Presso la direzione regionale competente in materia di agricoltura è
istituito l’elenco degli accordi sottoscritti nella regione Lazio.

2. I criteri e le modalità per l’iscrizione nell’elenco di cui al comma 1
nonché la disciplina per la sua tenuta sono stabiliti nel regolamento di cui
all’articolo 4.

 

 

ARTICOLO 17
(Contratti in filiera)

1. La sottoscrizione degli accordi comporta l’adozione di contratti in filiera
per il perseguimento delle seguenti finalità:
a) negoziare prezzi alla produzione di mutua convenienza e adattare
l’offerta alle dinamiche del mercato;
b) garantire la sicurezza degli approvvigionamenti di prodotti laziali
per l’agroindustria ed i mercati;
c) sviluppare sbocchi commerciali sui mercati regionali, nazionali ed
esteri;
d) prevenire la fluttuazione dei prezzi al consumo, anche mediante il
contenimento delle intermediazioni.

2. I contratti in filiera individuano il prodotto, le attività e l’area
geografica cui si applicano e stabiliscono la loro durata nonché le condizioni
per il loro rinnovo.

3. I contratti in filiera si fondano sui seguenti principi generali:
a) preventiva valutazione e confronto fra le richieste del mercato e le
previsioni di produzione ai fini di una loro armonizzazione;
b) definizione delle prescrizioni contrattuali finalizzate a favorire
l’adeguamento delle caratteristiche qualitative e merceologiche del prodotto
alle richieste del mercato e sulla base delle quali fissare i prezzi di
riferimento da pagare agli agricoltori;
c) individuazione dei servizi logistici che incidono sulla determinazione
del prezzo alla produzione ed all’immissione sul mercato;
d) definizione dei criteri e delle modalità di valutazione delle
diversificazioni del prezzo, per la stessa tipologia di prodotto, in relazione
alle caratteristiche qualitative, ai processi di condizionamento e
trasformazione applicati, alla destinazione finale;
e) obbligo, per tutte le componenti di una specifica filiera di
produzione, agricoltori o allevatori, trasformatori, commercianti e
distributori, di sottoscrivere un contratto di coltivazione, allevamento e
fornitura, ovvero per la trasformazione e la distribuzione del prodotto,
secondo lo schema di contratti tipo definiti in allegato al contratto in
filiera;
f) espressa previsione delle cause di risoluzione del contratto e del
diritto al risarcimento del danno.

4. Il contratto in filiera disciplina:
a) l’adozione di un modello di disciplinare della produzione di filiera
che riguardi almeno le fasi di produzione, trasformazione e distribuzione del
prodotto;
b) l’adozione di un modello di manuale delle procedure operative per il
sistema qualità e per l’organizzazione di tutta la filiera di produzione;
c) l’organizzazione del servizio di assistenza tecnica per le diverse
fasi della filiera;
d) l’individuazione delle determinazioni analitiche finalizzate alla
certificazione della qualità del prodotto;
e) l’organizzazione del sistema di rintracciabilità di filiera;
f) la gestione dei dati relativi ai processi di filiera.

5. Il contratto in filiera espressamente prevede:
a) Il riconoscimento delle cause di forza maggiore che siano di
impedimento, per taluni dei contraenti, al rispetto totale o parziale delle
obbligazioni contrattuali assunte e che fanno salvi dalla richiesta di
risarcimento dei danni;
b) L’individuazione di un collegio arbitrale terzo rispetto alle parti
contraenti, cui rimettere le controversie relative alla interpretazione od
esecuzione dei contratti ed alla determinazione, in via equitativa, del
risarcimento dei danni;
c) L’eventuale corresponsione, da parte di ciascun contraente, di
contributi commisurati al corrispettivo del contratto di coltivazione,
allevamento, fornitura, trasformazione e distribuzione del prodotto,
finalizzati alla copertura delle spese di gestione dell’accordo di filiera,
compresi i controlli tecnici ed economici, alla valorizzazione dei prodotti
attraverso studi, ricerche, azioni promozionali e di sviluppo delle vendite,
alla gestione delle crisi di mercato;
d) Lo schema di contratti tipo per la stipula di contratti di
coltivazione, allevamento, fornitura, trasformazione e distribuzione;
e) Il rispetto del contratto collettivo nazionale di lavoro e dei
relativi accordi provinciali di riferimento.

6. Ai rapporti tra le cooperative di raccolta, trasformazione e
commercializzazione di prodotti agricoli ed agroalimentari, nonché i loro
consorzi, ed i soci conferenti non si applicano i contratti ed i contratti
tipo. E’ facoltà delle cooperative e dei loro consorzi di sottoscrivere gli
accordi ed i relativi contratti in filiera.

 

 

ARTICOLO 18
(Incentivi)

1. L’adesione agli accordi, la sottoscrizione dei contratti in filiera nonché
l’adozione dei relativi contratti tipo costituisce criterio di preferenza
nell’erogazione di contributi regionali nonché per l’accesso ad azioni e
servizi realizzati dall’amministrazione regionale in favore delle imprese
agricole, delle cooperative e loro consorzi, delle imprese di trasformazione e
di commercializzazione dei prodotti agricoli, agroalimentari ed
agroindustriali del Lazio, nel rispetto della normativa comunitaria vigente e
con le modalità stabilite nei singoli bandi di partecipazione.

2. Gli organismi di gestione delle filiere possono presentare progetti
integrati di filiera che vengono valutati ai fini dell’eventuale concessione
dei benefici previsti dalla normativa vigente. I progetti integrati di filiera
comprendono l’indicazione e l’elencazione di tutti i beneficiari finali degli
interventi richiesti per le singole fasi della filiera.

 

 

ARTICOLO 19
(Tavolo regionale delle filiere)


 1. E’ istituito presso la direzione regionale competente in materia di
agricoltura il tavolo regionale delle filiere, di seguito denominato tavolo.

 2. Sono componenti del tavolo uno o più dirigenti della direzione
regionale competente in materia di agricoltura, che ne cura il funzionamento,
nonché i rappresentanti designati dai soggetti di cui alle lettere a), b) ed
h) dell’articolo 3.

 3. Con il regolamento di cui all’articolo 4 sono definite le modalità
di funzionamento e di svolgimento dell’attività del tavolo.

4. Il tavolo è la sede per il confronto con il partenariato ed esercita una
funzione di impulso e coordinamento per le politiche di filiera che
l’amministrazione regionale intende attuare.

 


Capo V
Filiere corte
              

                         
ARTICOLO 20
(Filiere corte)

1. La regione promuove l’organizzazione di filiere corte al fine di sviluppare
e valorizzare le produzioni agricole regionali e di avvicinare produttori e
consumatori, anche attraverso la razionalizzazione del sistema delle
intermediazioni commerciali ed una maggiore trasparenza nella formazione del
prezzo finale.

2. La regione, in particolare:
a) favorisce la costituzione nel territorio regionale di gruppi di
offerta;
b) concede contributi per gli investimenti delle imprese agricole
finalizzati ad allestire spazi aziendali od extra aziendali, gestiti
direttamente dalle imprese stesse, per la vendita diretta dei propri prodotti,
sia freschi che trasformati.

3. Per le finalità di cui al comma 1 sono costituiti:
a) Il portale web regionale attraverso il quale i gruppi di offerta,
iscritti nell’elenco regionale di cui all’articolo 23, possano periodicamente
pubblicare le gamme dei prodotti da loro resi disponibili, le loro
caratteristiche ed i relativi prezzi, per migliorare l’informazione sui
prodotti;
b) lo sportello regionale delle filiere corte.

4. Il sistema di incentivi a sostegno delle attività dei gruppi di offerta
nonché l’accesso e il funzionamento del portale web e il funzionamento dello
sportello regionale delle filiere corte sono disciplinati dal regolamento di
cui all’articolo 4.

 


ARTICOLO 21
(Gruppi di offerta)

1. I gruppi di offerta sono costituiti da un insieme di filiere di produzione
agricole ed agroalimentari che offrono un paniere di prodotti per il consumo
alimentare umano.

2. I gruppi di offerta, anche ai fini dell’iscrizione nell’elenco di cui
all’articolo 23, individuano il centro di aggregazione dell’offerta,
corrispondente al luogo fisico dove sono concentrati i prodotti che
costituiscono il paniere da confezionare per la distribuzione.

3. La costituzione e le modalità operative dei gruppi di offerta sono
disciplinate dal regolamento di cui all’articolo 4.

4. La regione promuove la costituzione e l’avvio dei gruppi di offerta ed, in
particolare, concede finanziamenti per la dotazione di attrezzature e
tecnologie informatiche a supporto delle piattaforme logistiche a livello
locale e dei centri di aggregazione.

 


ARTICOLO 22
(Gruppi di acquisto)

1. I gruppi di acquisto sono costituiti da un insieme di consumatori che si
organizzano per l’acquisto collettivo di prodotti agricoli direttamente dalle
imprese agricole o dai gruppi di offerta.

2. La regione promuove la costituzione e l’avvio di gruppi di acquisto e, in
particolare, finanzia la creazione di una rete informativa regionale, di
libero accesso per l’utenza, nella quale siano periodicamente pubblicate le
gamme dei prodotti resi disponibili dai gruppi di offerta iscritti
nell’apposito elenco regionale ed i relativi prezzi.

3. Le disposizioni di cui alla presente legge si applicano anche per la
promozione dei gruppi di acquisto solidale, così come definiti dall’articolo
1, comma 266 della legge 24 dicembre 2007, n. 244.

 


ARTICOLO 23
(Elenco regionale dei gruppi di offerta)

1. Presso la direzione regionale competente in materia di agricoltura è
istituito l’elenco regionale dei gruppi di offerta.

2. I criteri e le modalità per l’iscrizione all’elenco di cui al comma 1
nonché la disciplina per la relativa tenuta sono stabiliti nel regolamento di
cui all’articolo 4, sentita la competente commissione consiliare.

 


ARTICOLO 24
(Vendite dirette)


1. La regione favorisce la vendita diretta dei propri prodotti agricoli ed
agroalimentari, freschi o trasformati, da parte delle imprese agricole,
singole od associate.

2. Le imprese agricole che aderiscono ai contratti in filiera di cui
all’articolo 17 o che comunque adottano i disciplinari di produzione ed i
manuali per le procedure sulla qualità in questi previsti hanno la priorità
nell’accesso agli incentivi, previsti dalla normativa vigente, per la
realizzazione di punti vendita direttamente gestiti sia all’interno che
all’esterno dell’azienda nonché ai finanziamenti per la realizzazione di
impianti di trasformazione dei prodotti agricoli aziendali e per la successiva
vendita diretta.

3. La regione favorisce, altresì, la partecipazione delle imprese agricole del
Lazio ad eventi promozionali per la valorizzazione dei prodotti regionali.

 

     
Capo VI
Disposizioni finali e transitorie

                            
           
ARTICOLO 25
(Disposizioni finanziarie)


1. Per l’esercizio finanziario 2008, agli oneri derivanti dall’applicazione
della presente legge si provvede con l’istituzione di due appositi capitoli di
spesa, denominati “interventi per la regolazione dei mercati, per gli accordi
di filiera, per il funzionamento delle organizzazioni dei produttori”,
rispettivamente nell’ambito della upb b11 per le spese in parte corrente, con
lo stanziamento di euro 500.000,00 a valere sul capitolo t27501, elenco n. 4,
lettera e) del bilancio di previsione 2008 e nell’ambito della upb b12 per le
spese in conto capitale, con lo stanziamento di euro 1.000.000,00 a valere sul
capitolo t28501, elenco n. 4, lettera a) del bilancio di previsione 2008.

2. Agli oneri relativi agli anni successivi si provvede con la legge di
bilancio.

 


ARTICOLO 26
(Disposizioni transitorie)

 1. Le organizzazioni di produttori già riconosciute ai sensi della
l.r. 60/1984 che, entro la data di entrata in vigore della presente legge,
hanno adottato deliberazioni di trasformazione in una delle forme giuridiche
di cui all’articolo 5, sono iscritte di diritto all’elenco regionale di cui
all’articolo 8. In tal caso, gli aiuti all’avviamento previsti dalla presente
legge sono concessi in proporzione alle eventuali spese reali di costituzione
e di funzionamento aggiuntive. Qualora le organizzazioni non abbiano adottato
le predette deliberazioni di trasformazione, la regione dispone la revoca del
riconoscimento conferito ai sensi della l.r. 60/1984, con le modalità di cui
all’articolo 9, comma 2.

 2. Fino all’adozione delle deliberazioni di cui al comma 1, la
concentrazione dell’offerta e la commercializzazione dei prodotti sono
possibili sia direttamente sia in nome e per conto dei soci.

3. Le organizzazioni di produttori riconosciute entro il 31 dicembre 1999, ai
sensi della l.r. 60/1984, mantengono il diritto a fruire degli aiuti di cui
agli articoli 8 e 9 della medesima legge fino ad esaurimento degli impegni
vincolanti assunti dall’amministrazione regionale.

4. L’albo regionale delle associazioni e delle unioni regionali, istituito con                        
la l.r. 60/1984, è soppresso una volta adottati tutti gli atti di conferma o
revoca dei riconoscimenti previsti dal comma 1.

5. In fase di prima applicazione, per stabilire i minimi del valore della
produzione regionale, di cui all’allegato a, sono utilizzati i dati Istat
dell’ultimo triennio disponibile.

 


ARTICOLO 27
(Abrogazioni)


1. Alla data di entrata in vigore della presente legge, sono abrogate le
seguenti leggi:
a) Legge regionale 17 settembre 1984, n. 60 (norme sull’associazionismo
dei produttori agricoli e delle relative unioni. Applicazione della legge 20
ottobre 1978, n. 674);
b) Legge regionale 3 giugno 1988, n. 29 (modifiche ed integrazioni alla
legge regionale 17 settembre 1984, n. 60 concernente: norme
sull’associazionismo dei produttori agricoli e delle relative unioni.
Applicazione della legge 20 ottobre 1978, n. 674);
c) Legge regionale 27 febbraio 1989, n. 15 (modifiche ed integrazioni
alle leggi regionali 17 settembre 1984, n. 60 e 3 giugno 1988, n. 29 relative
a: norme sull’associazionismo dei produttori agricoli e delle relative unioni.
Applicazione della legge 20 ottobre 1978, n. 674);
d) Legge regionale 3 aprile 1990, n. 38 (modifiche ed integrazioni alla
legge regionale 17 settembre 1984, n. 60. Norme sull’associazionismo dei
produttori agricoli e delle relative unioni. Applicazione della legge 20
ottobre 1978, n. 674, modificata ed integrata dalle leggi regionali 3 giugno
1988, n. 29 e 27 febbraio 1989, n. 15).

 


ARTICOLO 28
(Rispetto della normativa comunitaria sugli aiuti di stato.
clausola di sospensione degli aiuti)


 1. I contributi previsti dalla presente legge sono concessi nel
rispetto della normativa comunitaria vigente relativa agli aiuti di stato.

 2. I contributi esentati dall’obbligo di notifica di cui all’articolo
88, paragrafo 3, del trattato della comunità europea, sono concessi nel
rispetto dei regolamenti della commissione europea, tenendo conto dei relativi
periodi di validità, emanati ai sensi del regolamento (ce) n. 994/1998 del
consiglio del 7 maggio 1998, pubblicato nella gazzetta ufficiale delle
comunità europee l 142 del 14 maggio 1998.

 3. I contributi soggetti all’obbligo di notifica di cui all’articolo
88, paragrafo 3, del trattato della comunità europea, sono concessi a
condizione che la commissione europea abbia adottato o sia giustificato
ritenere che abbia adottato una decisione di autorizzazione dei contributi
stessi ai sensi del regolamento (ce) n. 659/1999 del consiglio, del 22 marzo
1999, pubblicato nella gazzetta ufficiale delle comunità europee l 83 del 27
marzo 1999. I contributi sono concessi a decorrere dalla data di pubblicazione
sul bollettino ufficiale della regione Lazio dell’avviso relativo
all’autorizzazione esplicita o implicita della commissione europea.

 

Formula Finale:
La presente legge regionale sarà pubblicata sul bollettino ufficiale
della regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di
farla osservare come legge della regione Lazio.


Data a Roma, addì 24 dicembre2008

Marrazzo

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

collabora con associazione centogiovani

  


 

 

News in evidenza

Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.


Post-pay e Banco Posta, occhio alle truffe!

L'Associazione dei consumatori 'cento giovani' è pronta ad intervenire richiedendo a Poste Italiane la restituzione di quanto indebitamente prelevato grazie al furto dei dati dei titolari della carta.
Inoltre l' Associazione sta valutando la possibilità di richiedere a Poste italiane anche un risarcimento per il danno derivante ad ogni consumatore dall'incapacità da parte di Poste Italiane di tutelare con adeguati standard di sicurezza i propri clienti.

Link


Parcheggio scaduto, illegittime le sanzioni fatte degli ausiliari del traffico

Consta rilevare che riceviamo costantemente dai nostri associati segnalazioni di abusi commessi dagli ausiliari del traffico, dipendenti della Atac Spa, i quali con dolo o colpa grave continuano a sanzionare anche gli automobilisti che abbiano fatto scadere il ticket di parcheggio della striscia blu.

Link


Malati di Alzheimer: i familiari hanno diritto al rimborso delle somme ingiustamente pagate, per questo promossa un'azione collettiva

La Cassazione, con sentenza 5058/2012, ha stabilito che la retta per i malati di Alzheimer in lungadegenza o RSA deve essere a totale carico dei Comuni.

Link


PICA 2013, predisposta un'istanza per conoscere le ragioni del ritardo nella pubblicazione della graduatoria finale

A seguito delle segnalazioni di molti dei numerosissimi candidati che hanno effettuato le selezioni per i tirocini di “PICA ROMA - Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva”, l’Associazione ha provveduto ad inoltrare un’istanza alla Direzione Formazione e Tutela del Lavoro, percorso di cittadinanza attiva di Roma Capitale.


Vendita delle auto dopo la rimozione forzata, anche l’amministrazione vuole vederci chiaro

Il Comune di Roma, a seguito dell’atto di significazione e diffida e la contestuale istanza di accesso inviata dall’Associazione ‘cento giovani’, ha disposto agli uffici predisposti di adempiere alle richieste pervenute.



Sondaggio

Ti piacerebbe Scrivere di:
 

Iscriviti alla Newsletter Cento Giovani

Partner

mondivivo
 cursa

Calendario Eventi

«   Luglio 2019   »
lumamegivesado
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
    

Maggiori informazioni...

centogiovani è provider E.C.M. educazione continua in medicina

 

Chi è online

 245 visitatori online

  

mappa del sito  contattaci  disclaimer  credits