Atac, la mancanza di sicurezza getta nel terrore gli autisti. Si profila intervento deciso delle Forze dell’Ordine Stampa
Editoria - Numero 509
Scritto da Simone Pacifici   
Martedì 04 Giugno 2019 00:00

I romani sono ancora sconvolti dalle immagini che da qualche giorno circolano sulla Rete, nelle quali l’8 maggio scorso un autista Atac del bus 786 ha investito – per fortuna senza gravi conseguenze – un uomo col quale, secondo le ricostruzioni, avrebbe avuto una discussione perché questi voleva salire sull’autobus con i suoi cani, quattro o cinque. Il conducente ha dichiarato alle Forze dell’Ordine che il pedone, già conosciuto nella sua zona come un tipo rissoso e tendente al litigio con altri autisti, ha cominciato a dare in escandescenze, arrivando a minacciarlo e a scagliarsi contro il mezzo. Fatto che comunque non giustifica il gesto visto nel video diffuso dall’ex pasionaria Micaela Quintavalle, poi rimosso per le minacce da lei ricevute, e che ha convinto la polizia a denunciare il conducente. Atac ha subito fatto sapere di aver sospeso il reo, A.D., che sarebbe anche a rischio licenziamento.
L’evento ha avuto una risonanza tale che a poche ore dall’uscita del video è avvenuta la rappresaglia: un altro 786, in via Casetta Mattei, è stato preso a sassate, le quali, secondo le dichiarazioni di Atac, hanno distrutto il vetro del lato posteriore sinistro.
Gli autisti che lavorano nelle periferie ormai vivono perennemente nella paura, e ciò ha spinto le autorità cittadine ad aggiungere Corviale alla sperimentazione, iniziata lo scorso 18 febbraio e in continua espansione, del servizio di sorveglianza ai punti di Roma considerati nevralgici, che al momento sono quindici: piazza dei Cinquecento (Termini), Anagnina, Verano, Laurentina, Lido Centro, piazza Mancini, Ponte Mammolo, Tiburtina, Grotte Celoni, piazzale Clodio, largo Preneste, piazzale dell'Agricoltura, Cornelia, Monte Mario e l’area dell'ex manicomio di Santa Maria della Pietà.
La situazione attuale richiede un intervento deciso da parte delle autorità competenti, che devono fare i conti con una situazione molto difficile che mette paura agli addetti ai lavori e ai semplici cittadini.

Di Simone Pacifici

 

Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie potete leggere la nostra politica in materia di cookie privacy policy.

Accetto l'uso dei cookie per questo sito.