Ostia comune autonomo, il lido va verso il referendum Stampa
Editoria - Numero 509
Scritto da Leonardo Toti   
Martedì 04 Giugno 2019 00:00

Ieri mattina è stata presentata alla Segreteria Generale Regionale la proposta di legge di iniziativa popolare per l’istituzione di Ostia e Ostia antica come comuni a sé. Il documento è stato redatto allo scopo di iniziare l’iter procedurale che porterà al referendum per il distacco di Ostia dal Campidoglio.
Nel prossimo consiglio regionale, quindi, verrà letta la legge così da poter avviare la raccolta delle 10.000 firme sul territorio entro sei mesi. Spetterà ai residenti del futuro comune esprimersi sull’indipendenza da Roma, anche se c’è chi dice che dovrebbero essere tutti i romani a votare. Tagliato fuori tutto l’entroterra dunque: Acilia, infernetto, Dragona, Dragoncello resteranno a far parte del comune di Roma. La partita si fa anche politica. Il X municipio rappresenta un serbatoio di voti per il Movimento Cinquestelle e con la Raggi ancora sindaca non sarà facile convincere il Campidoglio a cedere il suo mare. In questo modo in effetti la capitale perderebbe anche la gestione delle spiagge e tutto l’affaccio sul mediterraneo. Tutto a questo punto è nelle mani del consiglio regionale. I dem sembrano essere favorevoli. La linea della Lega è come quella dei democratici, ma non si trova d’accordo con Forza Italia e Liberi e Uguali che sono contrari.
Astenuto per ora il Movimento. Ora non resterà che aspettare.

Di Leonardo Toti

 

Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie potete leggere la nostra politica in materia di cookie privacy policy.

Accetto l'uso dei cookie per questo sito.