Le nuove proposte per migliorare il servizio ferroviario Stampa
Consumatori - Consumatori
Scritto da Raffaela Neri   
Giovedì 07 Febbraio 2013 18:12
Il trasporto ferroviario, è risaputo, è un modo (da noi non molto efficiente) per alleviare la congestione del traffico e ridurre le emissioni di CO2. 
La mancanza di investimenti per modernizzare e ampliare la rete resta una nota dolente, non solo del nostro Paese, ma a quanto sembra, di tutta l’Europa. Per invertire questo declino, la Commissione europea ha presentato una serie di misure volte a favorire la concorrenza sulle reti ferroviarie nazionali. Obiettivo delle proposte è quello di attirare gli investimenti e offrire servizi più efficienti ai viaggiatori.
Tra le principali proposte del “pacchetto ferrovie” troviamo l’apertura alla concorrenza di tutte le reti nazionali del trasporto passeggeri ed il conseguente sarà obbligo di indire gare per la gestione delle reti pubbliche (attualmente   solo Svezia e Regno Unito hanno liberalizzato completamente i rispettivi mercati nazionali, mentre Germania, Austria, Italia, Republica ceca e Paesi Bassi lo hanno fatto solo in parte).
Insieme ad altre riforme, le proposte porteranno alla costruzione di nuove linee per ampliare la rete ferroviaria dell'UE. Entro il 2035 i vantaggi per passeggeri e operatori saranno di 40 miliardi di euro.
Le proposte passeranno ora all'esame del Parlamento europeo e dei governi dell'UE.

 

Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie potete leggere la nostra politica in materia di cookie privacy policy.

Accetto l'uso dei cookie per questo sito.