Usura e calcolo degli interessi di mora Stampa
Consumatori - Consumatori
Scritto da Emanuele Fierimonte   
Lunedì 07 Luglio 2014 10:22
Il Tribunale di Padova, con sentenza del 13 maggio 2014, si pronunciava in merito agli interessi di mora ai fini dell'usura. Difatti, la nota formula di cui all'art. 1815 cod. civ. "se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi" non permette distinzione alcuna tra gli interessi corrispettivi e gli interessi moratori, ed ancor meno tra le corrispondenti pattuizioni. 
Conseguentemente, laddove il tasso di mora pattuito tra l'istituto bancario e l'utente varchi il tasso soglia regolarmente stabilito con decreto trimestrale dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, il debitore sarà tenuto alla restituzione del solo capitale, non essendo da lui dovuto alcuna somma a titolo di interessi.

dell'Avv. Emanuele Fierimonte
 

Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie potete leggere la nostra politica in materia di cookie privacy policy.

Accetto l'uso dei cookie per questo sito.