Castel di Guido, una mamma lupo speciale Stampa
Scritto da Francesco Maiolo   
Martedì 14 Maggio 2019 10:20

Durante gli ultimi anni nella riserva di Castel di Guido si sono formati due branchi di lupi generati da Aurelia, il primo esemplare a ripopolare l’area.
È grazie a questo esemplare che si sono stanziati due branchi di lupi nell’Oasi.
Per i volontari dell’Oasi Lipu, Aurelia — la mamma lupo — “è una madre esemplare, che è riuscita a crescere in un ambiente non facile due cucciolate di 5 (2017) e 6 cuccioli (2018), ed ha addirittura permesso la sopravvivenza per un anno, con cure davvero sorprendenti, del giovane lupetto disabile, la cui straordinaria storia ha fatto nel 2017 il giro d'Italia e d’Europa”. Nel quadrante occidentale della città, la presenza dei lupi è stata riportata grazia a questa lupa censita nel febbraio 2016.
Il primo accoppiamento nella primavera del 2017 è stato con un maschio in dispersione chiamato Numa, tenuto sotto controllo nell’Oasi dal 2014.
L’anno dopo invece il vecchio capo branco è stato sostituito con Tullio, un giovane esemplare di lupo.
I volontari stimano che Aurelia abbia almeno 5-6 anni d’età, quindi ormai è grande per un’area in neo-ricolonizzazione, ma continua a mantenere la sua posizione di femmina dominante e riproduttiva all’interno del branco.
Aurelia rappresenta “un esempio verso la prole e verso la famiglia che ha pochi eguali nel mondo animale”.
Per queste ragioni il 12 maggio si è celebrata la festa della mamma ricordando questo esemplare di animale simbolico che è tornato a vivere stabilmente nel territorio della Capitale.

Di Francesco Maiolo

 

Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie potete leggere la nostra politica in materia di cookie privacy policy.

Accetto l'uso dei cookie per questo sito.